•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Verde e arredo urbano, dal 2020 sarà green il 100% delle gare

Informazioni aggiuntive

  • Sempre più rigorosi nei prossimi anni i criteri ambientali minimi per gli acquisti della Pubblica Amministrazione
Verde e arredo urbano, dal 2020 sarà green il 100% delle gare
09 06 2016

Negli appalti per la fornitura di arredi urbani, la gestione dei rifiuti e del verde pubblico i criteri ambientali minimi da rispettare aumenteranno progressivamente a partire dal 2017.
 
Lo ha stabilito il DM 24 maggio 2016 con cui il Ministero dell’Ambiente dà attuazione al Codice Appalti dando alle Stazioni Appaltanti la possibilità di elevare gli standard attualmente previsti.
 

Criteri ambientali minimi

Al momento il Piano di azione per la sostenibilità dei consumi della Pubblica Amministrazione (DM 11 aprile 2008) fissa al 50% la soglia degli appalti verdi.
 
Questo significa che i criteri ambientali minimi, cioè le scelte di acquisto che consentono di abbattere i consumi di energia, devono essere applicati almeno al 50% del valore a base d’asta.
 

Aumento progressivo dei criteri ambientali minimi

Dal 2017 questa soglia aumenterà progressivamente per una serie di servizi, tra cui la fornitura di articoli di arredo urbano, la gestione del verde pubblico, la gestione dei rifiuti e la fornitura di carta in risme e carta grafica.
 
Si passerà al 62% dal 1° gennaio 2017, al 71% dal 1° gennaio 2018 e all'84% dal 1° gennaio 2019, per arrivare al 100% dal 1° gennaio 2020.
 
Come stabilito dal Codice Appalti, le Stazioni Appaltanti saranno comunque libere di bandire gare prevedendo criteri ambientali  superiori rispetto alle soglie minime.

Letto 250 volte