•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Sottosuolo condominiale, in alcuni casi il privato lo può usare

Informazioni aggiuntive

  • Cassazione: possibile lo scavo per motivi tecnici, ma vietata la realizzazione di un vano cantina autonomo sotto il proprio appartamento
Sottosuolo condominiale, in alcuni casi il privato lo può usare
06 05 2016

Il condomino che effettua un intervento edilizio nel sottosuolo condominiale non commette automaticamente un uso improprio della cosa comune. Con la sentenza 234/2016 la Cassazione ha spiegato che bisogna capire se, dopo i lavori, si limita l’utilizzo delle parti comuni da parte degli altri condòmini o se si altera la destinazione del bene.
 
Se, quindi, dopo i lavori, le parti comuni non risultano alterate e tutti i condòmini hanno la possibilità di farne un uso analogo, l’utilizzo del sottosuolo non sarà sanzionato.
 
I giudici hanno spiegato che non è consentita la realizzazione di un vano autonomosotto il proprio appartamento, ma si può invece tollerare un escavo per ragioni tecniche.
 
Nel caso preso in esame dalla Corte, un condomino aveva proprio realizzato due vani cantina nel sottosuolo dell'appartamento di sua proprietà situato al piano terra dello stabile condominiale.
 
Il proprietario dell’appartamento situato al piano superiore aveva obiettato che questo intervento  avrebbe pregiudicato “il diritto al pari godimento delle parti comuni” , ma soprattutto avrebbe alterato la funzione dell’area di sedime, che è quella di sostenere l’immobile e permettere l’installazione di impianti a servizio del condominio.
 
La Corte d’Appello di L’Aquila aveva imposto di eliminare i vani realizzati, ma il responsabile aveva sottolineato che un locale si trovava in corrispondenza dei locali di un altro condomino e che l’altro era in realtà una camera d’aria non accessibile dall’esterno. Si trattava, a suo avviso, di uno spazio che nessuno avrebbe potuto utilizzare, a prescindere dall’intervento realizzato.
 
La Corte di Cassazione ha confermato la sentenza della Corte d’Appello spiegando che, indipendentemente dai rilievi sull’accessibilità di quell’area, la realizzazione di unvano autonomo, posto al servizio di un solo appartamento, sottrae una parte del sottosuolo all’utilizzo collettivo cui è destinato.
 
Per questi motivi il responsabile dell’intervento ha dovuto eliminare i due locali e ripristinare la situazione preesistente.

Letto 238 volte