•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Scuole innovative, slitta l'avvio della procedura online su ‘Concorrimi’

Informazioni aggiuntive

  • Miur: la piattaforma sarà attiva dal 23 maggio. Le proposte progettuali per le 52 scuole potranno essere presentate fino al 30 agosto
Scuole innovative, slitta l'avvio della procedura online su ‘Concorrimi’
18 05 2016

Sarà online da lunedì 23 maggio sulla piattaforma ‘Concorrimi’, messa a disposizione dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Milano, la procedura per partecipare al concorso di idee “Scuole Innovative”.
 
Lo prevede il cronoprogramma del MIUR, che ha fatto slittare all'ultimo minuto la data a partire dalla quale sarà possibile presentare i progetti. Venerdì scorso, contestualmente alla pubblicazione del bando, il Ministero aveva invece annunciato che sarebbe stato tutto pronto da oggi.
 

Scuole innovative, le date del concorso

Le proposte progettuali relative alle 52 scuole all’avanguardia individuate dal Miur potranno essere presentate fino al 30 agosto. Ci sarà tempo fino al 29 luglio alle 13 per inviare eventuali richieste di chiarimento, cui il Ministero risponderà entro le 23.59 del 5 agosto. 
 

Scuole innovative, i premi in palio

Il concorso di idee, che avrà una portata internazionale, prevede tre premi da 25mila,10mila e 5mila euro per ogni scuola (mappa delle 52 scuole innovative). Il Miur potrà mettere a disposizione degli Enti locali richiedenti le idee premiate per consentire l’eventuale affidamento dei successivi livelli di progettazione.
 

Scuole innovative, chi può partecipare

Possono partecipare al concorso di idee ingegneri, architetti, società di ingegneria e società professionali. La partecipazione al concorso può essere individuale o in gruppi pluridisciplinari.

I professionisti devono essere cittadini italiani o di altro Paese dell’Unione Europea, iscritti presso i rispettivi Ordini Professionali, ai quali non sia inibito l’esercizio della libera professione al momento della presentazione della domanda di partecipazione al concorso, sia per legge sia per contratto sia per provvedimento professionale.
 

I punteggi per le Scuole Innovative

Una Commissione giudicatrice, nominata con decreto del Miur, esaminerà i progetti in base ad una serie di criteri, che sommati possono portare a una valutazione massima di100 punti:
- qualità architettonica, che da diritto ad un massimo di 20 punti;
- qualità dell’inserimento nel contesto urbano ed ambientale: massimo 10 punti;
- qualità e novità delle soluzioni architettoniche in riferimento alla didattica e alla relazione con l’ambiente naturale e progettazione di spazi verdi: massimo 20 punti;
- funzionalità e flessibilità nella definizione e distribuzione degli spazi: massimo 10 punti;
- accessibilità, fruibilità e sicurezza della struttura: massimo 10 punti;
- qualità delle soluzioni tecniche e tecnologiche e scelta dei materiali in riferimento alla sostenibilità ambientale ed alla facilità nella manutenzione: massimo 15 punti;
- qualità delle soluzioni tecniche e tecnologiche e scelta dei materiali in riferimento al benessere degli occupanti: massimo 5 punti;
- sostenibilità economica: massimo 10 punti.
 
Ricordiamo che per la costruzione delle 52 scuole l’Inail ha messo a disposizione 350 milioni di euro. Sono a carico degli Enti locali le spese per le indagini preliminari, laprogettazione, gli arredi, gli allestimenti e le attrezzature per la didattica, l’eventuale demolizione di fabbricati, la bonifica dell’area, la collocazione temporanea degli alunni durante i lavori. Gli immobili resteranno di proprietà dell'Inail, che stipulerà contratti con il Miur e con gli enti fino all’ammortamento dell'investimento. Il Miur pagherà all'Inail il canone di affitto affinché il Comune, o la Provincia gestore, possa utilizzare il bene senza oneri.

Letto 277 volte