•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Prodotti da costruzione: in arrivo nuove regole per la commercializzazione

Informazioni aggiuntive

  • La Legge di delegazione europea 2015 impone al Governo di adeguare la normativa nazionale al Regolamento UE 305/2011
Prodotti da costruzione: in arrivo nuove regole per la commercializzazione
03 05 2016

Il Governo dovrà adeguare la normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento UE 305/2011 che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione.
 
Questa la novità prevista all'articolo 8 del disegno di legge di delegazione europea 2015, approvato dalla Camera il 27 aprile scorso e passato all'esame del Senato.
 

Prodotti da costruzione: direttive per la commercializzazione

Il provvedimento contiene alcuni princìpi e criteri direttivi specifici per la commercializzazione dei prodotti da costruzione all’interno del mercato europeo.
 
Ad esempio stabilisce che il Governo istituisca un Comitato nazionale di coordinamento per i prodotti da costruzione che assicuri l'uniformità e il controllo dell'attività di certificazione e di prova degli organismi notificati.
 
Inoltre la norma prevede la costituzione di un Organismo nazionale per la valutazione tecnica europea (ITAB).
 
Prevista anche la fissazione dei criteri e delle procedure necessari per lavalutazione, la notifica e il controllo degli organismi da autorizzare per svolgere compiti di parte terza nel processo di valutazione e verifica della costanza della prestazione.
 
Infine il Governo dovrà prevedere:
- disposizioni in tema di proventi e tariffe per le attività connesse all'attuazione del regolamento (UE) n. 305/201;
sanzioni penali o amministrative efficaci, dissuasive e proporzionate alla gravità delle violazioni degli obblighi derivanti dal regolamento, tenendo in adeguata considerazione le attività rispettivamente svolte dagli operatori economici nelle diverse fasi della filiera e, in particolare, la loro effettiva capacità di incidere sugli aspetti relativi alle caratteristiche, alla qualità e alla sicurezza del prodotto. 

Letto 232 volte