•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



No al condono edilizio se sull’area sopraggiunge un vincolo

Informazioni aggiuntive

  • CdS: valutare se il vincolo c’è nel momento in cui è esaminata la domanda di sanatoria, non se è stato imposto dopo la realizzazione delle opere
No al condono edilizio se sull’area sopraggiunge un vincolo
24 05 2016

Le opere abusive in area vincolata non possono essere condonate, neanche se il vincolo è stato imposto dopo la realizzazione degli edifici. Lo ha chiarito ilConsiglio di Stato con la sentenza 1941/2016.
 
Nel caso esaminato, un’azienda agricola aveva realizzato, senza nessun titolo abilitativo, due manufatti in legno e altri materiali di risulta, che erano stati aggiunti alla costruzione principale fatta di cemento armato.
 
Successivamente l’azienda aveva chiesto il permesso di costruire in sanatoria che era stato però negato. Non solo, perché la Soprintendenza preposta alla tutela del vincolo aveva anche imposto la demolizione delle costruzioni di legno.
 
I responsabili avevano però obiettato che le strutture di legno erano state costruite negli anni Settanta, mentre il vincolo, con l’adozione del Piano per il Parco, era subentrato successivamente, nel 2002. In base a queste considerazioni, al momento della realizzazione le costruzioni avrebbero potuto ottenere il permesso in sanatoria.
 
I giudici del Tar e quelli del Consiglio di Stato hanno invece dato torto all’azienda e confermato l’ordine di demolizione. Il CdS ha ricordato che, in base all’articolo 32 dellaLegge 47/1985, “ai fini del rilascio del condono edilizio per immobili che ricadono in aree vincolate, occorre il parere favorevole delle amministrazioni preposte alla tutela del vincolo anche se il vincolo è stato imposto successivamente alla realizzazione delle opere”.
 
Questo significa che la presenza del vincolo conta nel momento in cui deve essere esaminata la domanda di condono e non in quello in cui sono stati realizzati gli abusi.
 
Per questi motivi i responsabili sono stati condannati alla demolizione delle opere e al pagamento di una multa.

Letto 254 volte