•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Mobilità sostenibile, Ministro Galletti: ‘stanziati 35 milioni di euro, gara a settembre’

Informazioni aggiuntive

  • Trasporti Smart e Slow, le strategie della seconda conferenza nazionale conclusa a Catania
Mobilità sostenibile, Ministro Galletti: ‘stanziati 35 milioni di euro, gara a settembre’
12 07 2016

Per la mobilità sostenibile sono disponibili 35 milioni di euro. I bandi per spenderli potrebbero essere pubblicati a settembre in modo da finanziare i progetti dei Comuni entro la fine dell’anno. Lo ha reso noto il Ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, durante la II Conferenza nazionale sulla mobilità sostenibile promossa dall’Associazione nazionale comuni italiani (Anci), Ministero dell’Ambiente e Comune di Catania, che si è svolta a Catania l’8 e il 9 luglio.
 

Mobilità sostenibile Smart e Slow, pronti 35 milioni di euro

“Abbiamo 35 milioni di euro per finanziare progetti casa-lavoro e casa-scuola – ha sottolineato il Ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti - Possiamo partire con la gara a settembre per chiudere entro la fine dell'anno. Abbiamo i fondi, i Comuni devono presentare i progetti, noi li invitiamo a farlo. Io faccio i bandi, loro vengano a prendere questi soldi e li spendano subito, anche perché – ha ribadito - non c'è più un problema di risorse, ma di muoversi. Insistendo sulla necessità che i Comuni spendano i soldi disponibili con progetti, Galletti ha concluso “Ci sono 52 milioni di euro per le scuole e 900 milioni per ristrutturazioni ecocompatibili per edifici pubblici e privati, gli enti locali devono venire a prendersi i soldi”.
 
“Il primo obiettivo è diventare un Paese più Europeo dove diminuisce l’uso dell’auto privata – ha affermato il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti,Graziano Delrio - ma per poter ottenere questo obiettivo dobbiamo occuparci non solo di traffico ma della qualità della vita nelle città. I cittadini usano l’auto privata perché non ci sono mezzi, quindi il primo obiettivo è recuperare una pianificazione che riduca il gap sulle infrastrutture per la mobilità collettiva”. Per questi obiettivi si investirà su metropolitane e rinnovo del parco veicolare pubblico.
 
Per sintetizzare il bisogno di cambiamento è stato coniato lo slogan “Smart e Slow” che secondo il vicesegretario generale Anci con delega alla mobilità sostenibile, Antonella Galdi, racchiude due temi: l’intelligenza dell’innovazione e il piacere di godere le bellezze delle nostre città.
 
Per il vicepresidente Anci e sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, per cogliere e incoraggiare i segnali di cambiamento è necessaria una strategia nazionale che punti sugli incentivi alla sostenibilità, alla lotta all’inquinamento e al miglioramento degli stili di vita senza tralasciare la velocità degli spostamenti e le caratteristiche di ogni territorio, perché ciò che si adatta a una città pianeggiante, come la Bicipolitana  di Pesaro, può non essere adatto ad una località collinare o montana.
 
Incentivando le Ztl, le corsie preferenziali e le chiusure al traffico aumenterebbe la velocità dei mezzi pubblici, ha spiegato il direttore Asstra (Associazione delle società ed enti del trasporto pubblico locale di proprietà degli enti locali, delle regioni e di imprese private), Alessia Nicotera.
 
Dal coordinatore nazionale della Consulta piccoli Comuni dell’Anci,Massimo Castelli, è arrivata la proposta di costituire “corridoi verdi” in grado di collegare periferie e piccoli centri con aree più centrali.
 
Tutto per rispettare gli impegni europei in ambito di qualità dell’aria e salute e coordinare le varie iniziative, ha detto Raffaele Tiscar, vice segretario generale della presidenza del Consiglio dei Ministri.
 
Sulla base dei risultati raggiunti in Cina, Carlo Tursi, general manager Uber Italia, ha affermato che il segreto sta nel car pooling e nella mobilità intermodale, soluzioni che oltre alla sostenibilità creano lavoro.
 
Grandi risultati, secondo Giorgio Martini dell’Autorità di gestione del Pon Metro 2014-2020, sono attesi dal Pon Metro, che ha stanziato 216 milioni sulla mobilità urbana, traducibili in 100 chilometri di piste ciclabili, 320 mezzi per il trasporto pubblico locale, 150 chilometri in più di corsie preferenziali e 40mila metri quadrati di nodi di interscambio.
 

Mobilità sostenibile, la ricerca di Anci

Tutto è partito da una considerazione contenuta in una ricerca dell’Anci: la mobilità è in crescita. L’80% della popolazione si muove impiegando ogni giorno circa 60 minuti del suo tempo. Anche se gli spostamenti in auto e moto sono in diminuzione e cresce l’uso della bici c’è ancora molto da fare.
 
Ipotizzando di allineare le auto in fila, si legge nella ricerca, si creerebbe unserpentone lungo 6800 chilometri, come da Milano a Pechino. Questo anche perché, molto spesso, le auto viaggiano solo con il conducente a bordo, con costi elevati in termini di inquinamento e incidenti stradali. A questa situazione fa da contrappeso l’aumento nell’uso dei trasporti pubblici, l’aumento delle aree pedonali o a traffico limitato e il calo delle immatricolazioni di auto.

Letto 265 volte