•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Lotta al consumo di suolo, il Governo si impegnerà a livello europeo

Informazioni aggiuntive

  • Approvata dalla Camera una risoluzione che aderisce alla petizione #Salvailsuolo del network People4Soil
Lotta al consumo di suolo, il Governo si impegnerà a livello europeo
21 12 2016

Il Governo si impegna a portare a livello europeo la lotta contro il consumo di suolo. È questo il contenuto di una risoluzione approvata all’unanimità dalla Commissione Ambiente della Camera.
 
Sottoscritta dal presidente della stessa Commissione, Ermete Realacci, e dai deputati Borghi, Braga, De Rosa, Mannino, Pastorelli e Zaratti, la risoluzione accoglie la petizione #Salvailsuolo promossa dal network People4Soil, composto da oltre 300 associazioni europee al quale aderiscono, tra le altre, per l’Italia Legambiente, Coldiretti, Slow Food, Wwf.
 
“Il suolo - spiega Realacci - è una delle più importanti risorse naturali del pianeta perché fornisce elementi essenziali alla vita, aiuta a mitigare il dissesto idrogeologico e accumula carbonio. Per questo qualsiasi cambiamento nell’utilizzo del suolo influenza l’equilibrio dei gas a effetto serra. Il nostro benessere sulla Terra dipende insomma dalla fertilità e dalla salute del suolo. Ma questa risorsa così preziosa è limitata e non rinnovabile. Tanto che il suo consumo e degrado rappresentano una delle principali emergenze ambientali in Europa”.
 
“Per tutti questi motivi - prosegue Realacci - con questa risoluzione chiediamo al governo di adoperarsi a livello comunitario per introdurre una specifica legislazione a tutela del suolo. La risoluzione impegna infatti l’esecutivo a farsi promotore in Europa, insieme agli altri partner dell’UE, di un quadro giuridicamente vincolante per fronteggiare le minacce di erosione, impermeabilizzazione, perdita di materia organica, perdita di biodiversità e contaminazione dei suoli. Lo stesso atto impegna inoltre il Governo a promuovere l’integrazione, nelle politiche dell’UE, degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU relativi ai suoli, con particolare attenzione alla riduzione delle emissioni del settore agricolo e forestale”.
 

Contenimento consumo di suolo, il disegno di legge

Ricordiamo che è all’esame delle Commissioni Ambiente e Agricoltura del Senato il disegno di legge sul contenimento del consumo di suolo che punta ad azzerare il consumo di suolo entro il 2050, tutelare le aree agricole, incentivare la rigenerazione urbana attraverso regimi fiscali di vantaggio, semplificare le procedure per gli interventi di riqualificazione e favorire l’efficienza energetica del costruito attraverso demolizioni e ricostruzioni.
 
Per centrare l’obiettivo, il provvedimento incentiva a privilegiare il riuso e la rigenerazione urbana e l’utilizzo agroforestale dei suoli agricoli abbandonati, anche grazie ad incentivi fiscali, e introduce il principio secondo cui i Comuni, nelle loro scelte di pianificazione, dovranno fornire un’adeguata motivazione rispetto a nuove scelte di espansione, dando priorità assoluta alla rigenerazione delle aree già urbanizzate.

Letto 204 volte