•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



GSE: in crescita i consumi da rinnovabili in Italia

Informazioni aggiuntive

  • Pubblicati i dati per Regioni: idroelettrico più forte al Nord, eolico e solare al Sud
GSE: in crescita i consumi da rinnovabili in Italia
30 06 2016

Quanta energia rinnovabile si consuma in ogni Regione? La risposta arriva dal Gestore dei servizi energetici (GSE) che ha pubblicato lanota Energia da fonti rinnovabili nelle Regioni e nelle Province autonome italiane”.
 
Il documento riporta i dati statistici dei consumi finali lordi di energia da fonti rinnovabili nei settori elettrico e termico. In generale, tra il 2012 e il 2013 i consumi di energia prodotta da fonti rinnovabili sono aumentati del 6,8% e sono diminuiti leggermente (-1,6%) nel 2014.

Per il 2012 e il 2013, i dati sui consumi delle energie rinnovabili sono confrontati con i consumi finali lordi di fonti fossili. È stato quindi possibile presentare anche il grado di raggiungimento degli obiettivi regionali di consumo di energia da FER fissati dal Decreto “Burden Sharing” (DM 15/3/2012).
 
Dal confronto è emerso che tutte le Regioni italiane hanno superato le previsioni di consumo di energia da fonti rinnovabili del decreto. Molte di esse risultano aver già superato anche gli obiettivi assegnati per il 2020.
 
L’utilizzo delle fonti rinnovabili rispecchia le caratteristiche climatiche e le specificità delle diverse Regioni. Come si legge nell’introduzione, infatti, gli impianti idroelettrici sono diffusi principalmente nelle regioni settentrionali, gli impianti eolici si concentrano nel Mezzogiorno (in particolare in Puglia). La risorsa geotermica è utilizzata soprattutto in Toscana.
 
Emerge inoltre la notevole concentrazione degli impianti a biogas in Lombardia, Veneto e Piemonte, e degli impianti a bioliquidi in Emilia Romagna, Campania e soprattutto Puglia. È distribuito in modo relativamente più omogeneo sul territorio nazionale, invece, il ricorso alla biomassa solida e all’energia aerotermica e idrotermica catturata dalle pompe di calore.

Letto 269 volte