•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Ecobonus 65%, Realacci: ‘L’Agenzia definisca le modalità per i condomini’

Informazioni aggiuntive

  • Interrogazione al Ministro dell'Economia per sollecitare l'emanazione della circolare attuativa per la cessione del credito per interventi sulle parti comuni
Ecobonus 65%, Realacci: ‘L’Agenzia definisca le modalità per i condomini’
17 03 2016

L’Agenzia delle Entrate deve emanare il prima possibile la circolare con le modalità di attuazione della cessione del credito per gli interventi di riqualificazione energetica nei condomini.
 
Questa la richiesta avanzata dal Presidente della Commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci, nel corso di un’interrogazione parlamentare al Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan.
 

Ecobonus 65% per condomini: le problematiche evidenziate da Realacci

Realacci ha fatto notare al ministro Padoan che la Legge di Stabilità 2016 ha previsto, per le spese sostenute dal 1o gennaio 2016 al 31 dicembre 2016 per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, che si possa optare per la cessione del credito ai fornitoriche hanno effettuato gli interventi.
 
Tuttavia ha evidenziato che le modalità di attuazione della cessione del credito sono state demandate ad un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, che sarebbe dovuto arrivare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge.
 
Inoltre a ricordato che l’adozione del provvedimento è stata recentementesollecitata da Legambiente e dal Consiglio nazionale degli architetti,pianificatori, paesaggisti e conservatori.
 
Per il presidente della Commissione Ambiente “il ritardo nei tempi di emanazione, da parte della Agenzia, del provvedimento attuativo della cessione del credito rischia di rendere vano l’intento del legislatore”.
 
La cessione del credito ai fornitori era infatti stata pensata per superare le difficoltà di accesso dei contribuenti incapienti agli incentivi fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica dei condomini, prevedendo la possibilità di cedere il relativo credito fiscale ai fornitori che, anticipando le risorse necessarie, possono così innescare un processo virtuoso di rigenerazione del patrimonio edilizio italiano.
 

Ecobonus condomini: le richieste di Realacci

Realacci ha quindi chiesto al Ministro Padoan di intraprendere delle iniziative “affinché l’Agenzia emani celermente la circolare per definire le modalità di attuazione della cessione del credito per gli interventi su parti comuni di edifici condominiali”.
 
“I bonus per ristrutturazioni e risparmio energetico”, ha infatti fatto notare Realacci, “hanno prodotto 28,5 miliardi di euro di investimenti e 425 mila posti di lavoro fra diretti e indotto, interessando oltre 12,5 milioni di interventi e milioni di famiglie.
 
“I bonus energetici per la casa abbiano rappresentato una straordinaria misura anticiclica, qualificando il sistema imprenditoriale del settore, riducendo i consumi energetici, l’inquinamento, le bollette delle famiglie e facendo emergere il sommerso” ha concluso il Presidente della Commissione ambiente.

Letto 295 volte