•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Consumo di suolo: le norme non si applicheranno ai centri storici

Informazioni aggiuntive

  • Approvato anche un emendamento che introduce incentivi fiscali per la rigenerazione delle aree dismesse
Consumo di suolo: le norme non si applicheranno ai centri storici
05 04 2016

Le norme contenute nel disegno di legge sul consumo di suolo non si applicheranno ai centri storici, alle aree urbane ad essi equiparate e alle aree di particolare pregio storico artistico.
 
Questa una novità introdotta da un emendamento approvato nel corso della seduta congiunta tra commissione Ambiente e Agricoltura della Camera del 31 marzo 2016.
 

Consumo di suolo: gli emendamenti approvati

Oltre all’esclusione dei centri storici, è stato approvato un emendamento presentato dai relatori Massimo Fiorio e Chiara Braga che introduce incentivi fiscali per la rigenerazione delle aree produttive dismesse.
 
L’emendamento non entra nello specifico ma prevede che siano individuate “misure tali da determinare per un congruo periodo una fiscalità di vantaggio per incentivare gli interventi di rigenerazione.
 
Sono stati approvati inoltre alcuni emendamenti che ridefinisco le procedure per raccogliere i pareri delle Regioni e della Conferenza unificata.
 

Consumo di suolo: le criticità

Sul ddl però non si è raggiunto un accordo tra Governo ed enti locali; il presidente della Commissione Ambiente, Ermete Realacci, ha fatto presente nel corso della seduta che “l'incontro degli enti locali con il Governo in sede di Conferenza unificata non ha prodotto alcun risultato”.
 
Ricordiamo infatti che nei vari passaggi nelle Commissioni competenti, al ddl è stato contestato di dare troppi oneri ai Comuni e di non raccordarsi con i piani paesistici regionali. Sotto accusa, in particolare, il censimento degli immobili sfitti o abbandonati da poter riutilizzare e riqualificare; operazione per cui gli enti locali non sembrano avere le risorse necessarie.

Letto 305 volte