•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Codice Appalti, il Ministro Delrio promette tutela per le piccole imprese

Informazioni aggiuntive

  • Confartigianato parteciperà al monitoraggio sulla fase transitoria. Già attivo il confronto con Ance
Codice Appalti, il Ministro Delrio promette tutela per le piccole imprese
26 07 2016

Artigiani e piccoli imprenditori saranno coinvolti nella fase di attuazione del nuovo Codice Appalti (D.lgs. 50/2016). Lo hanno concordato venerdì scorso il Ministero delle Infrastrutture e Confartigianato durante un incontro per discutere sulle difficoltà riscontrate in questi mesi dalle piccole e medie imprese.
 

Nuovo Codice Appalti e PMI

“Siamo a 93 giorni dalla pubblicazione del Nuovo Codice dei Contratti Pubblici e non si hanno ancora notizie dei decreti attuativi e della soft law - ha lamentato nei giorni scorsi il presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti - ad oggi sono disponibili soltanto le linee guida dell’ANAC che però appaiono tarate per tipologie aziendali lontane dalle micro e piccole imprese e non sembrano favorire l’annunciata semplificazione".

Merletti ha sottolineato la presenza di criticità soprattutto nella gestione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, del sottosoglia, delle cause di esclusione e del rating di impresa, osservando contemporaneamente un rallentamento dell'attività delle Stazioni Appaltanti. 

"In Europa - ha illuistrato Merletti - le Pmi vincono il 29% delle gare d’appalto, con un indice di discriminazione del 29%, mentre in Italia, il Paese delle micro, piccole e medie imprese, questa discriminazione è massima, e raggiunge il 47%".

Dato che in Italia le micro, piccole e medie imprese interessate dal mercato degli appalti pubblici sono circa 71mila, Confartigianato ha chiesto un tavolo col Mit per il monitoraggio della fase transitoria in modo da colmare questo gap e risolvere la crisi degli investimenti pubblici.
 
La richiesta di confronto è stata accolta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Durante l’incontro, il Ministro Graziano Delrio ha garantito che le esigenze di artigiani e piccole imprese saranno prese in considerazione. Un monitoraggio metterà in luce le criticità e si studieranno delle soluzioni.
 
L’incontro è stato giudicato positivo dal presidente di Confartigianato,Giorgio Merletti. “Ci è stata garantita la necessaria attenzione alle esigenze degli artigiani e dei piccoli imprenditori attraverso un costante coinvolgimento di Confartigianato nel confronto sull’attuazione del nuovo Codice – ha commentato Merletti - Confartigianato intende esserci, a tutela degli artigiani e delle piccole imprese, e continuerà a partecipare al processo di consultazione per migliorare la fase applicativa della riforma".

"Il nostro obiettivo è quello di valorizzare gli aspetti di profonda innovazione contenuti nel nuovo Codice e di consentire agli artigiani e alle micro e piccole imprese di coglierne le opportunità, recuperando l’enorme gap chediscrimina la loro partecipazione alle gare d’appalto, nell’ambito di un rilancio del mercato degli appalti pubblici all’insegna della trasparenza e della semplificazione”.
 

Nuovo Codice Appalti, Ance e professioni tecniche

È già partita l’attività del tavolo di confronto tra Mit e Associazione nazionale costruttori edili (Ance), che verterà sul rilancio delle politiche urbane e la riqualificazione delle periferie come leve della crescita, nonché sulle criticità del Codice che secondo l’associazione stanno rallentando il mercato.
 
Un tavolo di confronto è stato chiesto anche dalle professioni tecniche, che hanno elaborato un documento con una serie di proposte da inserire nelprimo correttivo del Codice Appalti. Obbligo di determinare i compensi a base di gara col Decreto parametri e affidamento ai vincitori dei concorsi di progettazione e di idee dei successivi livelli di progettazione sono i cardini delle richieste dei progettisti.

Letto 331 volte