•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Bioedilizia, al via il progetto ‘Building a Green Social Dialogue’

Informazioni aggiuntive

  • Accordo tra Commissione UE, sindacati e operatori delle costruzioni per favorire il green building
Bioedilizia, al via il progetto ‘Building a Green Social Dialogue’
15 04 2016

Trasformare il settore edile da ‘divoratore di suolo e di energia’ a capofila per una crescita sostenibile che passi attraverso il dialogo sociale.
 
Questo l’obiettivo del progetto “B.R.O.A.D. - Building a Green Social Dialogue” presentato dalla Fillea Cgil e recentemente approvato dalla Commissione Europea.
 
Il progetto coinvolgerà i sindacati di quattro paesi europei, centri di ricerca, associazioni datoriali, con l’obiettivo di realizzare, al termine del percorso, una proposta di Linee Guida a supporto del dialogo sociale nei processi di transizione verso il green building, per lo sviluppo del mercato del lavoro e la crescita, nel segno della qualità e del rispetto dei diritti e della salute, delle competenze professionali dei lavoratori.
 

Green economy: i cardini del progetto

Il progetto è in linea con gli obiettivi della strategia Europa 2020 e mira allo sviluppo della bioedilizia in tutto il ciclo produttivo: della ricerca all'innovazione nei materiali, delle tecniche di costruzione alla progettazione degli edifici.
 
Fillea Cgil e i partner del progetto (Fondazione Di Vittorio, la federazione europea dei sindacati delle costruzioni, un centro studi della Germania, i sindacati delle costruzioni di Polonia, Spagna e Belgio, e per l'Italia Filca Cisl, FenealUil e Ance) studieranno le principali tendenze nello sviluppo della bioedilizia a livello nazionale ed europeo e i modelli di successo da diffondere attraverso lo scambio di esperienze e buone pratiche tra i paesi e le parti sociali.
 
Si cercherà di valorizzare le esperienze e pratiche virtuose di dialogo sociale che hanno dato vita a processi sostenibili nel settore e prodotto crescita economica e buona occupazione. 
 
Il progetto Broad si articolerà, come anticipato dal segretario generale FilleaWalter Schiavella, con workshop e incontri che coinvolgeranno rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori, le istituzioni, gli esperti, la società civile e i settori e le professioni legate alla green economy.
 

Crescita sostenibile: le due le fasi del progetto

La prima fase di indagine si concluderà nel dicembre 2016 con un Report europeo contenente: il quadro delle politiche comunitarie in materia di green economy e di bioedilizia; la panoramica delle iniziative a sostegno dei posti di lavoro verdi a livello europeo, attraverso una rassegna della letteratura scientifica e istituzionale in materia; l'analisi comparata delle diverse esperienze dei paesi coinvolti nel progetto; una descrizione del ruolo e delle funzioni delle parti sociali, in modo da proporre suggerimenti e raccomandazioni per rafforzare il dialogo sociale nei processi di conversione bioedilizia.
 
La seconda fase si concluderà a dicembre 2017, con la realizzazione delle “linee guida” per il dialogo sociale nella bioedilizia a livello europeo e nazionale, che saranno il frutto dell’intensa attività di scambio e confronto tra le parti sociali.
 
Questo “network” del dialogo sociale nelle costruzioni avrà un sito internet dedicato ed una forte presenza sui social ed un hashtag #greendialogue. Sono previste anche dirette in streaming dei vari workshop e convegni programmati in Italia e negli altri Paesi partner.

Letto 356 volte