•  +39 0961 34991  
  •   Info@appaltiegaranzie.it

News

Normativa

Ad un anno dall’introduzione del leasing abitativo emerge...

Normativa

Il direttore dei lavori è responsabile a metà...

Edilizia

Abbiamo già più volte parlato di vizi, difformità e...

Edilizia

Negli ultimi mesi, a causa degli eventi sismici...

Professione

I professionisti che appartengono a Ordini o Albi...

Lavori Pubblici

Resta in vigore l’obbligo di pubblicare i bandi...

Lavori Pubblici

 Tre milioni e mezzo di euro per indagini...

Professione

Ridotti a 60 i Crediti Formativi Professionali (CFP)...

Normativa

È stato fissato per giovedì 2 febbraio il...



Bando periferie, saranno finanziati tutti i progetti per 2,1 miliardi di euro

Informazioni aggiuntive

  • La conferma dello stanziamento di 1,6 miliardi dopo la riunione della cabina di regia del Fondo Sviluppo e Coesione
Bando periferie, saranno finanziati tutti i progetti per 2,1 miliardi di euro
17 11 2016

Via libera al finanziamento completo di tutti i progetti di riqualificazione urbana  presentati dalle Città metropolitane e dai Comuni capoluogo nell’ambito del bando periferie.
 
L’annuncio è arrivato nei giorni scorsi dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, al termine della riunione della Cabina di regia del Fondo Sviluppo e Coesione.
 
Dando seguito agli annunci del Governo, la cabina di regia ha deliberato uno stanziamento ad hoc di 1,6 miliardi di euro. Le risorse si sommeranno ai 500 milionigià previsti nella Legge di Stabilità per il 2016.
 

Bando Periferie

I 500 milioni di euro iniziali sono stati previsti con la Legge di Stabilità per il 2016 (commi 975 e 976) all’indomani degli attacchi terroristici di Parigi, quando Matteo Renzi annunciò che “per ogni euro in più investito in sicurezza, ci deve essere un euro in più investito in cultura”.
 
Il bando per l’assegnazione delle risorse è stato pubblicato lo scorso giugno e ha stabilito i progetti finanziabili e i criteri di valutazione.
 
Il plafond si è rivelato insufficiente perché gli Enti locali hanno presentato progetti per un valore di oltre 2,1 miliardi di euro. Senza un ulteriore stanziamento, il nucleo di valutazione avrebbe dovuto bocciare tre progetti su quattro.

Con questo ulteriore stanziamento la scrematura non sarà più necessaria.

Letto 241 volte